VagoTorno Tour 2017 NEWS_1

 

 

Il caldo non aiuta ma la traccia prosegue.

Giorni di ferie e giri lungo la traccia.

Chilometraggio e dislivello sono confermati a meno di leggere modifiche.

Non è una traccia semplice, 300km per 3500 di dislivello comportano una buona preparazione nell’affrontarla. Aggiungete che molte sezioni sono su sterrato, che seppure in generale ottime condizioni, implicano un dispendio di energie aggiuntivo.

 

Si girerà in senso antiorario, partendo da Baone si andrà diritti verso Padova per poi risalire il Brenta fino alla cima Coppi del Monte Corno via Calvene.

Tutto ciò per rendere il viaggiare notturno meno problematico, essendo per quasi la totalità dei primi 80km su percorso ciclabile non promiscuo.

Finito di costeggiare il Brenta, vi inoltrerete nella pedemontana alle spalle di Breganze, con continui saliscendi che vi porteranno ad imboccare la salita da Calvene al Monte Corno. In questo tratto prevalentemente su asfalto, troverete una breve discesa sterrata, che nel tratto finale può diventare

insidiosa. Fate attenzione e non esitate a smontare dalla bici! (Considerate che l’ho provata con copertoncini da 28 e scarpette da strada…)

Il tratto sull’Altopiano è su fondo misto, asfalto-sterrato lungo la ciclabile della vecchia ferrovia.

La discesa è nel tratto iniziale lungo il “Costo”, strada statale che percorrete con molta prudenza e attenzione fino al TERZO tornante, dove imboccherete il Vecchio Costo fino a Cogollo del Cengio.

Da qui fino a Piovene Rocchette, passando per la ciclabile dell’Astico vi potrete rilassare e spingere a volontà lungo percorsi bellissimi!

State sintonizzati per i prossimi aggiornamenti.